Categories
COSE NUOVE news

9/12 “Lunghe Notti” al Teatro Ferrara Off / progetto residenze artistiche

Sabato 9 Dicembre alle ore 21 Valerio Peroni e Alice Occhiali presenteranno al Teatro Ferrara Off, nell’ambito del progetto di residenze artistiche del Teatro Nucleo “Cose Nuove” il loro spettacolo “Lunghe Notti” , al termine di una residenza artistica presso il Teatro delle Condizioni Avverse di Montopoli Sabina 

“Lunghe notti”

con Valerio Peroni e Alice Occhiali
Drammaturgia e Regia: Valerio Peroni e Alice Occhiali
Disegno luci: Andrea Maurizi e Valerio Peroni
Foto di scena: Francesco Galli
Consulenza artistica: Lello Serao, Fulvio Peroni,
Francesca Romana Rietti, Dafne Rubini.
Progetto realizzato nell’ambito della Residenza Multidisciplinare della Bassa
Sabina, annualità 2016. In attuazione alle disposizioni dell’art. 45 – “Residenze”
del D.M. 1 luglio 2014.

“Nessun uomo seguì mai il suo genio tanto da esserne sviato. Sebbene il risultato fosse debolezza fisica, tuttavia nessuno può dire che le conseguenze fossero da rimpiangersi, poichè queste eranouna vita condotta secondo principi più alti. Se il giorno e la notte sono tali che voi li salutiate con gioia, e la vita emana una fragranza come fiori ed erbe molto profumate, il vostro successo sarà più agile, colmo di stelle e immortale. Tutta la natura si congratula con voi e, momentaneamente, voi avete occasione di benedirvi. I guadagni e i valori più grandi sono ben lungi dall’essere apprezzati. Facilmente giungiamo a dubitare che essi esistano. Presto li dimentichiamo. Essi sono la realtà più alta. […] Il vero raccolto della mia vita quotidiana è qualcosa di altrettanto intangibile e indescrivibile dei colori del mattino e della sera. E’ un po’ di polvere di stella afferrata – un
segmento di arcobaleno che abbiamo preso con una mano.”
HENRY DAVID THOREAU, Walden ovvero vita nei boschi
(passaggio evidenziato in uno dei libri rinvenuti con la
salma di Chris McCandless)

Figura centrale e di ispirazione per questo spettacolo è Cristopher McCandless diventato celebre grazie al film Into the wild diretto da Sean Penn.
Cristopher McCandless era un giovane benestante, che subito dopo aver preso la laurea in Scienze sociali all’Università, nel 1990, donò i suoi risparmi e abbandonò amici e famiglia per sfuggire a una società consumista e capitalista nella quale non riusciva più a vivere. La sua inquietudine, in parte dovuta al pessimo rapporto con la famiglia e in parte alle letture di autori anticonformisti come Henry David Thoreau, Jack London, Ralph Waldo Emerson, Tolstoj e altri, lo portò a viaggiare per due anni negli Stati Uniti e nel Messico del nord con l’idea di intraprendere un lungo viaggio nelle terre selvagge dell’Alaska.
Lo spettacolo prende come spunto di partenza due libri: “Nelle terre estreme” di Jon Krakauer e “Into the wild truth” di Carine McCandless sorella di Chris e figura fondamentale della sua breve vita. Nel primo libro viene ricostruita la vita e il viaggio di Chris grazie agli scritti ritrovati nel suo diario e ai racconti delle persone che ha incontrato, mentre nel secondo Carine analizza la sfera privata e familiare condivisa con Chris nel tentativo di giustificare la scelta estrema del fratello.

Informazioni
info@ferraraoff.it
+39.333.6282360

Ingresso
10 € soci Ferrara Off
8 € soci under30
5 € soci under18
12 € non soci (inclusa tessera associativa)
Agli spettatori del Teatro Comunale di Occhiobello, esibendo un biglietto o l’abbonamento presso la biglietteria di Ferrara Off, verrà applicato uno sconto di 2 €

Categories
Senza categoria

11-12 Febbraio >> Rovigo, Doppio appuntamento al Teatro Studio

TEATRO NUCLEO IERI E OGGI – Generazioni a confronto

11 Febbraio ore 21 – TENEBRA  – exterminate all the brutes

liberamente tratto da “Cuore di Tenebra” di Joseph Conrad
Produzione: Teatro Nucleo con il supporto del Joseph Conrad Institute (UK)

Vincitore del bando “Sette residenze per la ricerca teatrale” del Teatro del Lemming – 2016
Regia: Davide Della Chiara, Natasha Czertok
In scena: Davide Della Chiara, Natasha Czertok, Lorenzo Magnani
Musiche originali: Davide Della Chiara, Lorenzo Magnani
Durata: 50 min

foto di scena : Eleonora Chiti

“Uno spettacolo che, seguendo il manifesto della storica cooperativa teatrale nata nel ’74 a Buenos Aires, mette a repentaglio il ben pensare e i falsi buonismi dell’uomo occidentale perché, partendo dalla vicenda del romanzo “Cuore di Tenebra” di Joseph Conrad, mira a cancellare tutti i veli, i filtri e le sovrastrutture che ci siamo costruiti, riportandoci dentro noi stessi, mostrando quanto c’è di falso e violento dietro ogni tassello materiale delle nostre vite.”

    Krapp’s Last Post

 “Alla base di “Tenebra”, l’ultimo lavoro realizzato da Natasha Czertok e Davide Della Chiara per il Teatro Nucleo, c’è l’ucronia, la deviazione che cambia il corso della storia aprendo il capolavoro di Joseph Conrad a sviluppi imprevedibili. C’è la volontà di attualizzare una riflessione sull’opportunismo e sull’ipocrisia dell’Occidente, tracciando un arco che parte dall’imperialismo dichiarato di fine Ottocento e arriva all’apatia televisiva dei giorni nostri, ai disinfettanti per ambienti, alle risate registrate delle sitcom. (…)le finestre che Davide e Natasha riescono ad aprire nello spazio di quel piccolo soggiorno pulito e ordinato sono davvero tante: vi si intravedono navi ugualmente pulite e ordinate che salpano e sbarcano, altre navi accartocciate e distrutte che tornano indietro. “

Licia Vignotto, occhiaperti.net

12 FEBBRAIO ore 18 CONTRA GIGANTES > Conferenza spettacolo di e con Horacio Czertok

“Horacio Czertok alle prese con don Chisciotte, personaggio con cui ha vissuto a lungo sulle strade e sulle piazze,  con don Miguel de Cervantes – autore del romanzo da cui proviene il famoso Cavaliere Errante – e con episodi della propria vita nel teatro , nei quali il regista e co-fondatore del Teatro Nucleo si è trovato ad affrontare i vari giganti che presiedono allo status quo nei vari ambiti della cultura e del sociale.”

seguirà la presentazione del cortometraggio “Epica Carceraria” di Marinella Rescigno

e per finire, un aperitivo che è anche un incontro col pubblico,un momento conviviale in cui scambiarsi idee e riflessioni

 

Categories
COSE NUOVE

12 Novembre/Lontano nella neve – Teatro Ferrara Off

Sabato 12 novembre ore 21.00
LONTANO NELLA NEVE – Storie d’amore e resistenza (primo studio)

Teatro Ferrara Off, viale Alfonso I d’Este 13
44123 Ferrara, Italia

In memoria dell’Eccidio del Castello di Ferrara – 13 Novembre 1943

Primo Premio al Concorso Creativo Nazionale “Accendi la Resistenza. Storie di donne e di uomini in guerra” indetto dalla Fondazione ISTORETO e dal Polo del ‘900 di Torino nell’edizione 2015/16

Questo primo studio viene realizzato nell’ambito del progetto residenze artistiche Cose nuove del Teatro Nucleo di Ferrara, con il sostegno di Regione Emilia Romagna e Mibact.

regia e drammaturgia di Marco Luciano

con Marco Intraia, Marco Luciano, Alessandra Macrì, Veronica Ragusa

Attraverso lettere e testimonianze, attraverso ricordi e speranze, sogni e incubi di quella generazione, abbiamo cercato di raccontare “la resistenza”, non tanto sotto un punto di vista “semplicemente” storico, quanto piuttosto attraverso gli occhi dell’amore bagnati dalle lacrime che il paradosso della guerra, di quella guerra così assurda e inumana istillava.

Un rituale d’indagine, una liturgia di parole fatte carne e azione.

I personaggi che incontreremo non sono propriamente eroi. Sono persone semplici, con storie semplici, di una quotidianità semplice… storie, per questo, disarmanti.

Uno dei tanti collaboratori partigiani, Giannino, arrestato in una libreria di Milano per aver consegnato un messaggio che scotta e che non sa più, a ottantacinque anni, se davvero sia sopravvissuto o se la sua vita “umana” sia comunque finita in quel giorno di aprile di tanti anni fa; la coraggiosa Leopolda, superstite della strage di S.Anna di Stazzema che cerca in eterno il suo fratellino Enrico, che lei rifiutò di riconoscere come morto. O ancora la lettera a una madre della propria figlia condannata a morte perché partigiana, o la storia del fascista innamorato della staffetta arrestato per alto tradimento e condannato a morte dai suoi stessi camerati, per aver sviato la ronda che era sulle tracce della brigata partigiana a cui apparteneva la sua amata… Storie semplici, ma che portano con se, in se, domande enormi e dubbi atroci: cos’è un nemico? Ne è valsa davvero la pena? E se si fosse fatto di più? Cosa vuol dire resistenza e cosa resta di quel sacrificio così costoso al giorno d’oggi? Contro chi o cosa dobbiamo lottare noi giovani di oggi? I nostri non sono racconti da interpretare come “exempla”. Non vogliamo suggerire risposte, anzi, vogliamo ricordare e commemorare ponendo domande, perché solo dal dubbio e dal salto che da esso si genera può nascere una coscienza e una vita più confitta nella realtà e nel tempo che abitiamo.

Ingresso
8 € soci 2016
5 € ridotto under20
10 € non soci (inclusa tessera associativa)

Categories
COSE NUOVE

12 Novembre/ Lontano nella neve – Teatro Ferrara Off

SABATO 12 NOVEMBRE

c/o Teatro Ferrara Off

ORE 21 viale Alfonso I d’Este 13, Ferrara

LONTANO NELLA NEVE

storie d’amore e resistenza
(primo studio)

In Memoria dell’Eccidio del Castello di Ferrara , il 15 Novembre 1943

con Alessandra Macrì, Giovanni Antona, Marco Intraia, Marco Luciano
regia di Marco Luciano
produzione A.R.T.I.

Chi o cosa è oggi il nemico? Contro quale contraltare politico e poetico bisogna combattere per migliorare il mondo in cui viviamo? Uno spettacolo che nasce da un percorso di indagine sul tema del conflitto inteso in senso letterale, fisico e relazionale, ma che si allarga a comprendere anche la dialettica delle idee e dell’immaginario, in termini identitari e quindi politici.
Questo primo studio viene presentato come tappa intermedia nell’ambito del progetto di residenze artistiche COSE NUOVE del Teatro Nucleo di Ferrara, con il sostegno di Regione Emilia Romagna e Mibact.
A.R.T.I. Area Ricerca Teatrali Indipendenti è un gruppo di progettazione culturale che opera non solo in campo teatrale. Svolge da circa dieci anni corsi di formazione sul territorio nazionale. La poetica teatrale di A.R.T.I. fonda le sue basi sulla ricerca di nuovi linguaggi, con particolare attenzione all’innovazione e alle esperienze teatrali più ‘contemporanee’. Si propone di fondere in un unico atto performativo le esperienze, i sogni e i bisogni dei diversi componenti del gruppo focalizzando la propria attenzione sul mondo dell’arte a trecentosessanta gradi e non guardando solo al teatro.
Attualmente dirige la rassegna T.P.F. presso il Teatro Superga di Nichelino. Dal 2014 organizza e dirige in collaborazione con il Comune di Moncalieri e L’Ass. Rever-se il Festival di Teatro per i Grandi spazi “Open Space”.
Dal 2008 al 2013 ha gestito STUDIOTEATRO, spazio teatrale indipendente nel centro storico di Napoli, il quale è stato sede de “L’Indispensabile, rassegna permanente del teatro indipendente” che dal 2011 al 2013 ha ospitato più di 100 spettacoli. Nel 2012 ha fondato l’Osservatorio Permanente per i Nuovi Linguaggi di Sant’Agata de’ Goti (Bn).

Gli spettacoli in produzione sono tra gli altri: “Campomentale”, “Cerimoniale”, “Di un altro amore io ora ti amerò”, “Candido” (Premio Holden, Alessandro Baricco), “Misteri”, “Mit&Farabole”, “Erostrato”(Premio Nuovi Orizzonti Teatro delle Albe, Cosenza), “Creazione n.1 e n.2”, “Lontano nella neve…”.

Ingresso
8 € soci 2016
5 € ridotto under20
10 € non soci (inclusa tessera associativa)