exilio

“…I vuoti della memoria si sono ricomposti in me lentamente. Il teatro è stato mio compagno, con lui ho ricostruito e trasformato il rompicapo dei ricordi, immersa nel dolore, guardando dritto in faccia l’impotenza. Ho scommesso sulla mia resistenza, sulla semplice avventura della vita.

Leggi l'articolo