Le Magnifiche Utopie è la stagione teatrale organizzata da Teatro Nucleo al Teatro Julio Cortàzar di Pontelagoscuro, con 12 appuntamenti tra novembre 2020 e maggio 2021. La prima parte della stagione inizierà mercoledì 25 novembre con il debutto di Kashimashi, di e con Natasha Czertok.

In un momento in cui la parola chiusura è diventata un mantra comunicativo, incarnando una minaccia semantica che pende sul linguaggio del nostro quotidiano, trasformando di fatto il nostro sentire e agire.
In una fase in cui siamo costretti a distanziamenti fisici, chiusure di spazi di aggregazione, lockdown (anche intimi ed esistenziali), abbiamo sentito l’urgenza di stare vicini al nostro pubblico, al nostro quartiere, ai nostri compagni di viaggio, con una serie di spettacoli ed incontri, coscienti che uno dei nostri “doveri” come donne e uomini di teatro sia quello di continuare a nutrire i sogni e le visioni della società che viviamo.

Le Magnifiche Utopie è il nome che Teatro Nucleo, a partire dalla prima metà degli anni Ottanta ha dato alla propria progettualità inerente al teatro negli spazi aperti.
“Aperti” sono tutti quegli spazi fisici e spirituali, privati o istituzionali, emotivi e immaginari che sentono la necessità di aprirsi alla bellezza, alla poesia, all’arte e quindi al teatro: non solo le piazze, le strade o i luoghi pubblici.
Tutti quei “luoghi” che hanno urgenza di trasformarsi in qualcosa di ancora irrealizzato, e trovano con il teatro la strada per farlo.

Ci piacerebbe che la parola chiusura potesse essere sostituita dalla parola cura.
È necessaria la “cura” per superare una crisi. Per quel che possiamo, vogliamo continuare ad avere cura del nostro lavoro, del nostro teatro, tenendolo aperto e rendendolo un luogo in cui sentirsi sicuri, trovare nuovi riferimenti capaci di rafforzare il senso d’appartenenza ad una comunità, favorire l’incontro.

Più info https://www.teatronucleo.org/wp/stagione-le-magnifiche-utopie/

 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.