Categories
publications

Quaderni di Teatro Carcere

QUADERNI DI TEATRO CARCERE

è una rivista annuale a cura del Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna edita da Titivillus

copertina_quaderni_2COPE01.inddQUADERNI-TC_2015.jpg_medium

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna si è costituito in Associazione nel 2011, a coronamento di un percorso biennale che ha coinvolto i soggetti attivi nelle Case circondariali della Regione con progetti di teatro rivolti a persone detenute. Il lavoro di rete dell’Associazione, volto a favorire la visibilità delle diverse realtà regionali che operano nel settore e a promuoverne le interazioni con le politiche culturali e sociali del territorio, è stato riconosciuto attraverso il “Protocollo d’intesa sull’attività di teatro in carcere” tra Regione Emilia-Romagna, Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria (PRAP) dell’EmiliaRomagna e Coordinamento Teatro Carcere Emilia Romagna. Fanno attualmente parte del Coordinamento: Teatro Nucleo di Ferrara, Cooperativa Teatro del Pratello di Bologna, Cooperativa Teatro Giolli di Parma, Gruppo Elettrogeno di Bologna, Teatro dei Venti di Modena, Associazione ConTatto di Forlì, Cooperativa Le Mani Parlanti di Parma. Presidente Paolo Billi; Consulente scientifico Cristina Valenti

 

Categories
publications

Teatro in Esilio

pub_teatro in esiliopub_theater of exile 
pub_teatro in esilio edizione tedesca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Teatro in esilio. La pedagogia teatrale nel lavoro del Teatro Nucleo
di Horacio Czertok

prima edizione Bulzoni editore, seconda edizione Editoria e Spettacolo , Terza edizione a cura di Teatro Nucleo
“Uno dei fatti centrali ed essenziali del teatro negli spazi aperti è proprio quello di rivolgersi a un insieme eterogeneo di non-spettatori. Se prima dello spettacolo si chiede alle persone presenti nella piazza una opinione sul teatro, la maggioranza delle risposte è negativa. La gente della piazza si disinteressa completamente del teatro, convinta che la cosa non la riguardi. Nelle nostre città la cosa conosciuta come teatro è riservata a una strenua minoranza, per gran parte della quale, tra l’altro, il teatro è cosa culturale prima che artistica, e fatto sociale prima che bisogno personale. Quando dopo lo spettacolo ripetiamo la domanda alle stesse persone, le risposte indicano un sostanziale e sorprendente cambiamento di segno. […] Da questo si può ben dedurre che il teatro è stato espropriato a quelle persone. La parola teatro era stata tradita, svuotata e riempita di un significato che esse rifiutavano”.
Categories
publications

Un’avventura utopica

pub_un'avventura utopica

Teatro e Trasformazione nell’esperienza del Gruppo di Teatro Comunitario di Pontelagoscuro guidato da Antonio Tassinari

a cura di Greta Marzano ed Erica Guzzo
edizione Titivillus

Cosa accadrebbe se delle persone di età, sesso, cultura ed estrazione sociale differente si riunissero settimanalmente per fare teatro? Accadrebbe loro di dare vita a ciò che in molti paesi dell’America Latina è noto con il nome di Teatro Comunitario. Il teatro che si autodefinisce “comunitario” è un luogo in cui una comunità entra in contatto con se stessa, accogliendo la sfida di riannodare i fili molteplici che legano passato, presente e futuro, e dove le memorie collettive e individuali diventano materia vivente per lo spettacolo.

Categories
publications

Quijote

pub_quijote

Quijote

Edizione SAI – Ferrara – La pubblicazione , realizzata in collaborazione con il Teatro Comunale di Ferrara, raccoglie scritti di Roberto Pazzi , critiche, riflessioni, appunti di lavoro dei registi Cora Herrendorf e Horacio Czertok, fotografie dello spettacolo di Teatro per gli Spazi Aperti che ha girato per 20 anni nelle piazze di mezzo mondo , e biglietti e disegni lasciati dagli spettatori